»  ICT e scuola Sì, a condizione che…

mercoledì, 25 agosto 2004
by mtb alle 08:49

Le nuove tecnologie inducono cambiamenti non indifferenti nella società e nell’individuo: modificano il modo di lavorare e di relazionare, l’approccio alla conoscenza e la costruzione del sapere, incidono sul modo di pensare. Siamo tutti consapevoli di quanto siano potenti computer, internet, reti… e sappiamo quanto sia inarrestabile la loro evoluzione. La scuola deve dunque avvalersi di questi nuovi mezzi? Ne può trarre vantaggi ? Forse sì, nella misura in cui riusciremo a inserirli coerentemente in un discorso pedagogico più generale, guidati da un atteggiamento che privilegia gli orizzonti di senso. Sì, se i nuovi media diventeranno strumenti didattici specifici per costruire esperienze di crescita per gli allievi e se la scuola saprà usare consapevolmente tutto quanto le permette di realizzare il suo progetto pedagogico. In questa prospettiva le nuove tecnologie non verranno subite, anzi potrebbero favorire l’emergere di atteggiamenti critici, non asserviti all’utilitarismo e al conformismo delle mode. L’uso sensato dei nuovi media non deve pertanto suscitare elevate aspettative legate esclusivamente ai prodotti, perché il fine non è questo. Al contrario, piccole esperienze che sperimentano un uso funzionale delle ICT in percorsi didattici potranno assumere una grande rilevanza.


Dove e quando…


Presso l’Alta Scuola Pedagogica P.zza S. Francesco a Locarno


Mercoledì 29 settembre dalle 14.00 alle 17.30


14.15 Apertura
Il corso ICT-Si – Marco Beltrametti formatore ASP e responsabile progetto ICT-Si
Prospettive – Mirko Guzzi Dir. Ufficio Scuole Comunali


14.45 Workshop


17.00 Aperitivo e chiusura


Posteggi a disposizione nei pressi del palazzetto FEVI.
Per informazioni 091/814.34.79 (Ufficio scuole comunali)
decs-usc.informatica@ti.ch


Iscrizione: entro il 24 settembre al seguente indirizzo e-mail: decs-us@ti.ch


http://www.asp.ti-edu.ch/ictsi/php/html/modules.php?name=News&file=article&sid=34


( da Carla Astolfi )





Scrivi un commento