Ancora riflessioni sul blog

Vorrei aggiungere alcune considerazioni in merito alle riflessioni sul blog pubblicate poco tempo fa. Alcuni colleghi lamentavano un calo di entusiasmo da parte dei loro alunni nel pubblicare materiale su blog, tu facevi notare che molti blog sono scatole vuote. Sicuramente attivare un blog significa anche scontrarsi con problemi tecnici e organizzativi che a volte frustrano la buona volontà di un docente. Se dovessi fare perno solo sull’utilizzo dell’aula di informatica, probabilmente anch’io avrei già rinunciato. Penso invece che sia fondamentale che tutti i ragazzi provvisti a casa di connessione a internet, utilizzino il blog in quella sede, lasciando spazio nell’aula di informatica della scuola solo agli alunni che a casa non dispongono della connesione.
Per quanto riguarda l’aspetto dell’entusiasmo dei ragazzi, mi sento di dire che il blog classico, usato come diario in cui gli alunni scrivono un po’ come scrivessero nel loro diario, raccontando progetti scolastici, interrogazioni, vacanze, mi lascia perplesso. E’ un tipo di blog che non si basa su un progetto preciso.
L’obiettivo di questo genere di blog sarebbe tra l’altro quello di sviluppare la comunicazione emotiva tra alunni e con il docente. Metodologia poco convincente perché si tende a forzare gli alunni a parlare di sé con risultati chiaramente artificiosi perché stimolati direttamente dal docente e non raggiunti attraverso la mediazione di un progetto. Non mi stupisce il fatto che dei bambini sentano il loro entusiasmo calare perché percepiscono (non è importante se la percezione si riferisca a qualcosa di vero o meno) di essere costretti a dire cose carine(vedi il post di Leila). Penso che un progetto strettamente legato alla propria materia di insegnamento sia fondamentale. Attraverso un lavoro molto tecnico e regolato nelle procedure si può sviluppare anche la comunicazione emotiva. E’ una comunicazione che si sviluppa indirettamente, senza che i ragazzi si sentano obbligati a parlare di qualcosa che riguarda loro stessi, perché il loro obiettivo rimane quello di eseguire i compiti richiesti dal docente.
Insomma, non credo all’impiego didattico del blog come diario personale.
Sicuramente può avere senso come giornalino di classe o d’istituto, ma molto di più, mi ripeto, come strumento strettamente legato a un progetto relativo alla propria materia di insegnamento.
Un saluto a tutti

3 pensieri su “Ancora riflessioni sul blog

  1. E’ esattamente il taglio che sto cercando di dare al nostro blog.
    Siamo però favoriti dalla possibilità di portare i computer in classe.
    Non so in quante realtà possa essere esportato il modello.
    Saluti
    Giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.