»  la pedagogia della lumaca

domenica, 9 luglio 2006
by alle 17:01

Mi piacciono queste pagine e sono certa che anche voi, amici di BD, le apprezziate. Sono delle pagine controcorrenti, che inducono a rallentare , a vivere le esperienze didattiche non come delle corse forsennate , ma come delle passeggiate dove si ricomincia a osservare, a rallentare, a chiacchierare…a guardarsi negli occhi ..

http://www.scuolacreativa.it/pedagogia_lumaca.html

mara

9 commenti a “la pedagogia della lumaca”
Scrivi un commento »

Feeds dei commenti di questo articolo

  1. 1


    grrensun grrensun | Scritto il 09 . 07 . 2006 alle 23:56 |

    Grazie mara per questa segnalazione.

    Anch’io da tempo sto riflettendo sulla necessità di “perdere tempo” a scuola. Per ritrovare il gusto e forse il vero senso delle cose che si fanno. Riprenderci il tempo della riflessione, del far vagare i pensieri, per dare spazio alla creatività, alle intuizioni che arrivano solo se riusciamo a stare veramente in contatto con noi stessi.Ma credo che solo con la penna e pennino si possa fare questo, si può fare “pedagogia della lumaca” anche con il computer.

    Un abbraccio. Leila

  2. 2


    maradulcetta | Scritto il 10 . 07 . 2006 alle 17:10 |

    Cara Leila

    mi fa piacere che anche tu avverta il bisogno di “rallentare” , di gustare i momenti dlla vita con molta pù calma. Personalmente negli ultimi anni sono stata travolta da molte novità dal punto di vita scolastico ( tecnologie, nuovi strumenti , nuove sperimentazioni… nuove curiosità) che hanno tolto alla mia professione il gusto di apprezzare il tempo nei suoi vari passaggi. Ecco ora è venuto il momento di riappropriarsi di tutto quello che abbiamo perso…

    Baci

    mara

  3. 3


    maestra-anna | Scritto il 10 . 07 . 2006 alle 18:43 |

    condivido. Questo tempo, che è così veloce e non dà modo di lasciare sedimentare nessun pensiero o esperienza. Il che equivale (anche se mi rendo conto di usare parole forse troppo forti) a privarsi dell’anima.

    Ci sono obiettivi da raggiungere e si salta l’esperienza della strada che si percorre.

    Nel sito di parla di orti anche e della loro valenza educativa: perché ripigliare il proprio tempo significa, almeno per come la penso ora, ritrovare gli echi e le sonorità dei cicli stagionali e del nostro legame con la terra.

    Quel tempo perso, lo sto recuperando con le mie “robe” di tessitura e “giocando” con il mio gruppo di rievocazione storica. Ma questa è modalità individuale: servirebbe una rivoluzione. A scuola e ovunque.

  4. 4


    utente anonimo | Scritto il 11 . 07 . 2006 alle 14:35 |

    già… parlavo di qualcosa di simile nell’ottobre 2004 ricordate?

    http://marcop.clarence.com/permalink/169434.html

    Qualcosa sull’argomento lo trovate anche da Livraghi

    http://www.gandalf.it/uman/26.htm

    Ma soprattutto questo pensiero di mara riporta la mia mente alle letture di questo ultimo periodo sulla decrescita e sull’economia del dono.

    C’è molto da meditare…

    😉

  5. 5


    maradulcetta | Scritto il 11 . 07 . 2006 alle 15:03 |

    Salve Marco

    sono andata a sfogliare le pagine da te indicate…. che stia nascendo una nuova rivoluzione?

    mara

  6. 6


    icfarrari | Scritto il 11 . 07 . 2006 alle 23:15 |

    Se volete, potete ascoltare radioblog di Luisascuola: Giochi di un tempo.

    Sono state realizzate dalle mie classi anche recite in tema, dal testo lì citato, recuperando dimensioni e valori. Vi è un’ UdA del laboratorio di Teatro e Dialetto nei Materiali per i docenti sul sito di classe http://www.comprensivo2.altervista.org

    Maria Luisa.

  7. 7


    mtb mtb | Scritto il 11 . 07 . 2006 alle 23:21 |

    … mi sa che ne ho proprio bisogno!

    Domani consegna dei diplomi e stop esami!

    Ci risentiamo presto… un abbraccio a tutti

    mt

  8. 8


    VitaDaProf | Scritto il 12 . 07 . 2006 alle 15:57 |

    Sono d’accordissimo sulla necessità di lavorare con lentezza… il problema è forse ancora più scottante nella scuola superiore, dove il mito del “programma” stenta a morire.

    Le mie opinioni in proposito le trovate qui:

    http://www.forumfree.net/?act=Attach&type=post&id=46708053

  9. 9


    utente anonimo | Scritto il 12 . 07 . 2006 alle 19:05 |

    stampate le pagine di rosanna rota , indicate nel link.Le degusterò con calma e cerchero di applicare gli insegmamenti sia nella mia vita sia nella mia professione, Grazie

    mara

Scrivi un commento