Pregi e difetti delle piattaforme per creare blog

Pregi e difetti delle piattaforme per creare blog


Queste sono alcune delle piattaforme con cui creare blog


http://blog.tiscali.it : caratteristiche template non modificabile con html, immagini caricabili dal proprio computer, post non modificabili una volta scelto il font nel modello iniziale, nè i colori o l’allineamento, molto semplice da gestire, non permette più blog con lo stesso nick, nè il multiblog

http://blog.aruba.it … ci sono anche spazi blog a pagamento!!!


http://blog.clarence.com La nuova piattaforma è dotata di una migliore usability, di una interfaccia più semplice ed intuitiva, della possibilità di inserire immagini e formattare il testo senza la conoscenza del linguaggio HTML


www.blogger.com


www.bloggers.it


www.ilcannocchiale.it … forse Carmelo ci sa dire qualcosa di più


www.excite.it/blog : ha molte funzioni, simile a splinder, ma mi sembra un po’ più macchinoso lavorarci. Non ho trovato un riassunto delle caratteristiche a meno che non si entri con password (ho un blog abbandonato qui)


www.evectors.it/radio : non conosco nulla o quasi, ma mi sembra di capire che sia a pagamento (Evectors annuncia la disponibilità immediata di Radio UserLand in versione italiana.)


www.splinder.it caratteristiche : penso che lo conosciamo quasi tutti qui. Un problema è non poter mettere direttamente le immagini se non sono già in uno spazio web.


http://blog.virgilio.it.




  • Mi propongo di analizzare i pro e i contro di ciascuna, anche con le vostre osservazioni.

Al prossimo aggiornamento del post, perchè ora devo lasciare questo blog e … se intanto avete qualcosa da dire benissimo.


A più tardi mt




  • …questo è un romanzo a puntate…


5 pensieri su “Pregi e difetti delle piattaforme per creare blog

  1. Ho appena richiesto delucidazioni e se andranno incontro ai miei interssi e alle mie capacità tecniche, credo che creerò un blog su ER. Il cannocchiale non consente cancellazione di blog. Lascia il nome e la possibilità all’autore di non utilizzarlo (mi pare una scempiaggine!!!).
    Appena avrò norizie più fresche vi farò sapere.
    Carmelo

  2. Hai ragione Carmelo, bisogna prendere in considerazione l’IrreER: infatti ho segnalato immediatamente la mail che mi era arrivata a proposito, ma mi sembra di aver capito, che si debba essere coinvolti,per ora, in un progetto scolastico sui blogs: forse mi sbaglio. Vediamo di capirci qualcosa insieme! Certo che cambiare le piattaforme dove si è creato il proprio blog dispiace perchè andrebbe perso tutto il lavoro finora fatto.
    Io, per esempio, ho i miei blogs di classe, tranne due, con tiscali e, nonostante sia semplicissimo da gestire, ora, che ne so un po’ di più di blog e di html, mi sento ingabbiata visto che è abbastanza rigido e non lascia molte possibilità di variazione.

    A presto mt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.