Ogni sette secondi un bambino muore di fame

Ogni sette secondi un bambino muore di fame, eppure oggi ci sono le condizioni economiche e tecnologiche per realizzare un mondo più sicuro, più prospero e più giusto per tutti.
Nel Settembre del 2000, durante il Millennium Summit, 189 Capi di Stato e di Governo si sono impegnati a lavorare insieme per raggiungere otto obiettivi:
1. eliminare la povertà estrema e la fame,
2. assicurare l’istruzione elementare universale,
3. promuovere la parità fra i sessi,
4. diminuire la mortalità infantile,
5. migliorare la salute materna,
6. combattere l’HIV/AIDS e le altre malattie,
7. assicurare la sostenibilità ambientale,
8. sviluppare una partnership globale per lo sviluppo.
Ora gli impegni presi in quell’occasione devono essere mantenuti.
Propongo a tutti i colleghi/amici di sostenere la Campagna “
No excuse 2015” promossa con il sostegno dell’ONU.
Vi invito a firmare la petizione on line “
No excuse 2015”, e ad esporre sui vostri Blog didattici il simbolo della campagna per far pressione sui Governi, affinché rispettino gli impegni presi.

Questo Blog aderisce
alla Campagna
No excuse 2015
promossa con il sostegno dell’ONU.

carla

2 pensieri su “Ogni sette secondi un bambino muore di fame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.